Sito Istituzionale del Comune di Librizzi (ME)

mappa del sito

Home Page

link utili

norme

modulistica

e-mail

 

home page  > settore contabile  > tassa rifiuti solidi urbani

 

TA.R.S.U.

(tassa rifiuti solidi urbani) - anno 2005 -

 

dal 1° Maggio 2005 il servizio viene gestito dall'ATO ME 2

 

 

CATEGORIA

DESCRIZIONE

 

 

1

  fino a mq. 50  

€ 1,68

per la differenza oltre i 50   mq.  € 2,10

 

 

2

  fino a mq. 60

€ 2,46

per la differenza oltre i 60   mq.  € 3,48

 

 

3

  fino a mq. 60

€ 3,36

per la differenza oltre i 60   mq.  € 3,73

 

 

4

  fino a mq. 60

€ 2,52

per la differenza oltre i 60   mq.  € 3,77

 

 

5

  fino a mq. 100

€ 0,77

per la differenza oltre i 100 mq.  € 7,30

 

 

6

  fino a mq. 100

€ 7,30

per la differenza oltre i 100 mq.  € 8,68

 

 N O T E :

Categoria 1 - locali destinati ad uso abitazione;

Categoria 2 - locali destinati ad uffici pubblici, professionali e commerciali;

Categoria 3 - locali destinati ad esercizi commerciali o negozi in genere;

Categoria 4 - locali destinati a stabilimenti industriali, teatri, circoli, istituti privati ed altre collettività che non siano quelle contemplate nelle successive categorie;

Categoria 5 - locali destinati ad alberghi, collegi, convitti, case di cura;

Categoria 6 - locali destinati ad ospedali ed altri istituti pubblici di ricovero, aventi scopo di assistenza

 estratto dal regolamento comunale: esenzioni e riduzioni

Ufficio da contattare: Ufficio Tributi

(riferimento: sig.ra Nella Giordano) 

Tel. 0941.32281 - 367028  *  Fax 0941. 367029

    dal Lunedì al Venerdì  -  dalle ore: 8.30 alle ore 13.00

Martedì e Giovedì anche dalle ore 15.30 alle 17.30

 

 

 

 

 

 

 

Estratto dal Regolamento

per l'applicazione della tassa per lo smaltimento dei rifiuti urbani interni

(delibera di Consiglio Comunale n. 33 del 16 marzo 1995, integrata con delibera di C.C. n. 40 del 27.7.1996)

art. 10

Esenzioni

1. Sono esenti dalla tassa:

   a) i locali e le aree adibite ad Uffici e Servizi Comunali;

   b) gli edifici adibiti a qalsiasi culto, esclusi in ogni caso gli eventuali annessi locali ad uso    abitazione o ad usi diversi da quello del culto in senso stretto;

   c) le abitazioni occupate da persone, sole o riunite in nuclei familiari, nullatenenti ed in    condizioni di accertata indigenza;

   d) non sono soggetti alla tassa i locali e le aree che non possono produrre rifiuti o per la loro    natura o per il particolare uso cui sono stabilmente destinati o perchè risultino in obiettive    condizioni di non utilizzabilità nel corso dell'anno, qualora tali circostanze siano indicate nella    denuncia originaria o di variazione e debitamente  riscontrate in base ad elementi obiettivi    direttamente rilevabili o ad idonea documentazione.

 

art. 11

Riduzioni

1. Sono computate per la metà le superfici riguardanti le aree scoperte a qualsiasi uso adibite.

2. Sono computate nel limite del 25% le aree scoperte che costituiscono pertinenza od accessorio dei locali ed aree assoggettabili a tassa.

3. La tariffa ordinaria viene ridotta della misura sottonotata nel caso di:

a) abitazione con unico occupante: 30%

b) agricoltori che occupano la parte abitativa della costruzione rurale: 30%

c) locali diversi dalle abitazioni ed aree scoperte, adibiti ad uso stagionale o ad uso non continuativo ma ricorrente risultante dalla licenza o autorizzazione rilasciata dai competenti organi per l'esercizio dell'attività: 25%;

d) abitazioni tenute a disposizione per uso stagionale od altro uso limitato e discontinuo a condizione che tale destinazione sia specificata nella denuncia originaria o di variazione indicando l'abitazione di residenza e l'abitazione principale e dichiarando espressamente di non volere cedere l'alloggio in locazione o comodato, salvo accertamento da parte del Comune: 30%;

e) utenti che, versando nelle circostanze di cui alla lettera d) risiedano o abbiano la dimora, per più di sei mesi all'anno, in località fuori del territorio nazionale: 25%;

f) attività produttive, commerciali e di servizi per le quali gli utenti dimostrino di rientrare nelle condizioni previste dall'art. 67, comma 2, del D. Lgs. 507/1993: 20%;

4. Le riduzioni di cui al precedente comma saranno concesse a domanda degli interessati, debitamente documentata e previo accertamento dell'effettiva sussistenza di tutte le condizioni suddette.

 

(La pubblicazione ha solo valore informativo. Fa fede il regolamento originale agli atti del Comune).