Sito Istituzionale del Comune di Librizzi (ME)

mappa del sito

Home Page

link utili

norme

modulistica

e-mail

 

Home Page  > avvisi > corsi di formazione per alimentaristi    

 

 

Comune di Librizzi (ME)

A  V  V  I  S  O

Si comunica che con Decreto 19 Febbraio 2007, la Regione Sicilia, ha dato attuazione all’art.12 della Legge Regionale  n. 5/2005 (Soppressione dell’obbligo del cosiddetto “Libretto di idoneità sanitaria” per il personale che esercita, anche occasionalmente o temporaneamente, le attività di produzione, preparazione etc. di sostanze alimentari), disciplinando le modalità ed i criteri da rispettare nell’organizzazione dei corsi di formazione per gli operatori alimentaristi. Pertanto al fine di non incorrere in diffide e sanzioni ai sensi del D.Lgs 155/97, si rende necessaria la partecipazione ai corsi previsti dal suddetto decreto. Di seguito si riporta la classificazione delle mansioni a rischio ai fini della individuazione del personale tenuto alla frequenza dei corsi. L’attività di alimentarista comporta dei rischi per la salubrità degli alimenti preparati, di entità variabile in relazione ai cicli lavorativi attuali. A tal fine si precisa che le attività, possono essere sinteticamente classificate in tre livelli decrescenti di rischio:

Categoria A – Rischio elevato (attività che comportano manipolazione di alimenti deteriorabili, nelle fasi di produzione, preparazione, cottura e confezionamento):

-       Responsabili dell’industria alimentare e/o della qualità all’interno di un’azienda, nonché         personale con responsabilità di sorveglianza, gestione di settore del processo;

-       Pasticceri;

-       Addetti all’industria conserviera;

-       Personale operante all’interno delle cucine per mense, ristoranti, pizzeria e similari;

-       Produttori di gelato artigianale;

-       Addetti alle rosticcerie, gastronomie, personale addetto alle lavorazioni della pasta fresca,         pastifici;

-       Addetti ai bar, tavola calda;

-       Addetti presso stabilimenti di lavorazioni delle carni e del pesce;

-       Addetti stabilimenti di prodotti d’uovo, gastronomici e dolciari;

-       Addetti lavorazioni prodotti da forno;

-       Addetti manipolazione prodotti dietetici, per la prima infanzia e destinati ad un alimentazione          particolare;

-       Addetti ai caseifici;

-       Allievi di scuola alberghiera e lavorazioni non contemplati nell’elenco di cui sopra, che          presentano, comunque, un rischio microbiologico significativo;

-       Addetti alla vendita presso esercizi commerciali (supermercati, salumerie, macellerie,         pescherie, ecc).

 

Categoria B – Rischio medio (Attività che comportano manipolazione di alimenti confezionati o sfusi non deteriorabili o alla relativa sola somministrazione e vendita):

-       Personale addetto alla sola somministrazione nelle mense;

-       Camerieri (personale di sala presso attività di ristorazione);

-       Personale addetto alla vendita dei prodotti ortofrutticoli ed al trasporto degli alimenti sfusi che         necessitano di controllo della temperatura (ex art. 44, D.P.R. n. 327/80).

Categoria C – Rischio basso (Attività che non comportano un contatto diretto con i prodotti alimentari):

-       Trasportatori di prodotti imballati;

-       Magazzinieri di prodotti imballati;

-       Tabaccai;

-       Farmacisti e personale di farmacia;

-       Personale di assistenza che non manipola alimenti (infermieri, ausiliari, ecc.);

-       Promoter;

-       Addetti alle pulizie;

-       Cassieri;

-       Insegnanti;

-       Addetti a lavorazioni non contemplate nell’elenco di cui sopra, che presentano, comunque, un         rischio microbiologico nullo.

Gli alimentaristi addetti all’espletamento di mansioni di cui alla categoria A e B sono tenuti all’acquisizione di un attestato di formazione, conseguito a seguito della frequenza di un apposito corso di formazione.

Gli alimentaristi del gruppo C, devono semplicemente essere istruiti alla messa in opera di comportamenti corretti sotto il profilo igienico sanitario, in relazione all’attività espletata.

Gli operatori che espletano un’attività inclusa nella categoria C a basso rischio, non sono, pertanto, obbligati all’acquisizione di un formale attestato di formazione.

Alla luce di quanto sopra esposto, al fine di permettere una idonea programmazione di corsi, da espletarsi nel territorio comunale a cura di Enti competenti e autorizzati, gli interessati potranno comunicare la loro disponibilità all’Ufficio Comunale per il Commercio.

Dalla Residenza Municipale, 20.11.2007                                                                         

                                                                                        Il Sindaco

                                                                                 Ing. Renato Cilona