www.comune.librizzi.me.it

Il sito ufficiale del Comune di Librizzi (ME)

 

 

mappa del sito

 

 link utili

 

modulistica

 

 norme

 

scrivici

 

 

 

 home page > per conoscere librizzi > sagra dei maccheroni > tombolo

 

Pizzi, centrini, applicazioni a tombolo e chiacchierino...

foto, tappeti eseguiti al telaio intrecciando strisce di stoffa; lampade e ventole cucite a mano I lavori presentati in questa pagina sono stati esposti in occasione della Sagra dei Maccheroni 2004 e sono stati realizzati e presentati da ArtigianArte Nebrodi, associazione culturale-artigianale senza scopo di lucro costituita a Patti nel 2001 per studiare e tramandare le nostre  tradizioni locali, con particolare interesse verso l'artigianato femminile.

foto, centro tavola ai ferri;asciugamano a punto stuoia; asciugamano a punto antico o toscano; in basso, tovaglia a punto umbro antico

foto, bigiotteria in rame e pietre colorate lavorate artigianalmente

Ciondoli di rame - Sono stati esposti collane, orecchini, anelli, braccialini fatti con fil di rame e perline colorate secondo uno stile ed una moda giovane.

foto, copriletto in lino con angeli e merletti ad uncinetto

foto, teli di lino del secolo scorso tessuti al telaio tradizionale, ricamati a mano uniti e bordati da pizzi ad uncinetto

Pezzare al telaio - Tappeti di varie dimensioni tessuti al telaio tradizionale dei Nebrodi intrecciando delle strisce di stoffa colorate con l'ordito di cotone. Oggi la stoffa usata quella delle magliette di cotone, una volta era costituita da stracci vecchi recuperati. Tale tecnica era diffusa in tutti i paesi dei Nebrodi fino agli anni cinquanta. Un tempo nelle nostre campagne  veniva coltivato e lavorato anche il lino.

Pizzi al tombolo - Sono merletti eseguiti su un disegno poggiato sopra un cuscino rotondo. Altri strumenti di lavoro sono i fuselli e gli spilli. I fuselli portano il filo e lo tengono ben teso; gli spilli servono per fissare i bordi del merletto al disegno e dargli la forma voluta. Muovendo ed accavallando i fuselli, i fili si intrecciano e si forma cos il pizzo. Il filo usato pu essere di cotone, seta, lana o altro materiale.

foto, strisce al telaio e paralumi; fiori di nylon fatti manualmente

foto, centrini a filet (in alto), punto intaglio e sfilati per gli asciugamani, scialle nero ricamato in oro a filet

Paralumi e ventole - Gli scheletri metallici artigianali vengono ricoperti con stoffa ricamata.

Filet a modano - una rete eseguita a modano (specie di ago grande, di ferro, con una forcella per lato). Attorno al modano si raccoglie del filo di cotone (filo di scozia) e, con l'aiuto di un cuscino e di una spilla da balia che tiene fermo l'inizio del lavoro, si comincia a costruire la rete utilizzando un bastoncino o un ferro da calza per dare alla maglia la stessa ampiezza. Sulla rete, ben tesa su un telaio apposito - rettangolare o quadrato o triangolare -  si realizzano i disegni (fiori od altro) con dei punti eseguiti con un ago a punta arrotondata (punto tela, rammendo, spirito, ecc.).

Ricamo - Tra i ricami tradizionali si segnalano: punto croce, intaglio, pieno, palestrina, sfilato siciliano '400 e '500, ecc.

Uncinetto - E' una tecnica molto diffusa nell'area dei Nebrodi. Con un attrezzo ad uncino si creano merletti, copriletti, centrini, ecc. Molto comune da noi l'uso del pizzo ad uncinetto per unire i teli di lino tessuti al telaio per creare splendidi copriletti.

foto, copritavolo a filet a modano, con tralci di vitefoto, pizzi, centrini ed applicazioni eseguiti a tombolo e a chiacchierinofoto, pizzo a tombolo da applicare su tovaglia tonda di lino

Punto umbro antico - E' un ricamo fatto con l'ago su lino tessuto al telaio tradizionale, utilizzando del filato cru. I punti sono: nodino di San Francesco, pignattine, nodone, avorio, ricciolino, ecc. In genere sono manufatti eseguiti a moduli, che poi vengono uniti da un pizzo ad ago. I disegni sono gigli stilizzati di varie forme e dimensioni.

Chiacchierino - E' un pizzo molto fine, che si fa con una o due spolette con cui si attorciglia il filo. Con il movimento delle dita e facendo muovere la spoletta in modo da formare dei nodi e dei pippiolini (filo lento, archetto) si eseguono delle roselline che, unite, formano dei centri o delle incrostazioni (applicazioni) per lenzuola, copriletti, ecc.

foto, applicazione a tombolo per tovaglia, e in basso tovaglia con pizzo ad ago, e a punto umbro antico